Blog

Brexit e Mutui: quale impatto sull’Italia?

1.007 visualizzazioni
24 Giu 2016

Listini azionari, titoli di Stato, materie prime e mercato immobiliare. Con la decisione storica della Gran Bretagna di uscire dall’Europa, questi settori avranno delle inevitabili ripercussioni.

Come da previsioni, la sterlina si sta già svalutando rapidamente e le borse segnano importanti perdite.

E’ chiaro che gli impatti principali riguarderanno l’economia britannica ma, secondo un studio del Global Counsel Ue, alcuni Paesi risentiranno maggiormente della Brexit e saranno proprio quelli il cui sistema bancario è più legato a quello britannico: Olanda, Irlanda e Cipro e – a seguire – Portogallo e Grecia. L’Italia sarebbe invece fra i Paesi meno colpiti.

brexit

 

Certo è, che se dovessero alzarsi i tassi, i mutui e i prestiti– che in Italia nell’ultimo periodo avevano visto una crescita importante favorita proprio dalle condizioni economiche favorevoli proposte dalla Banca Centrale Europea e dal Quantitative Easing di Mario Draghi- potrebbero diventare più cari.

Il tema rimane comunque piuttosto complesso e l’incertezza è tale che è difficile dare delle risposte certe, mettendo gli esperti nella sola condizione di fare delle previsioni.

Ma cosa succede a chi vuole sottoscrivere un mutuo ora?

Il principale rischio posto dalla Brexit è la ripartenza della speculazione internazionale contro i Paesi dell’area Euro che hanno i bilanci nazionali meno solidi, tra cui l’Italia.

Lo spread BTP-BUND potrebbe aumentare, portando le banche nazionali ad aumentare i tassi di interesse praticati sui nuovi mutui.

Chi intende sottoscrivere un mutuo è bene che si affretti a farlo: i tassi di interesse sono al minimo storico ed è improbabile che scendano in modo significativo, i prezzi delle case dopo anni di discesa costante sembrano stabilizzarsi e lo scudo della BCE dovrebbe prevenire impatti negativi sull’economia reale.

Tutto sommato, è un buon momento per sottoscrivere un mutuo per l’acquisto della prima casa o per surrogare un vecchio mutuo e assicurarsi una rata più bassa per gli anni a venire.

Contattateci per ulteriori informazioni sui tassi dei mutui e non solo: info@altachiaraitalia.it